I subacquei trovano un sommergibile della seconda guerra mondiale affondato a Phuket

Un team di quattro entusiasti subacquei tecnici ha localizzato il relitto, che si ritiene essere quello dell’USS Grenadier (SS-210), un sommergibile della Marina degli Stati Uniti che fu affondato più di 75 anni fa a Phuket, quando fu attaccato e circondato da aerei e navi giapponesi il 21 aprile 1943. Il sottomarino, che giace in 80 metri d’acqua, è uno dei 52 sottomarini della Marina degli Stati Uniti persi durante la Seconda Guerra Mondiale.

La scoperta è avvenuta nell’ottobre 2019, a circa 80 miglia nautiche a sud di Phuket, in Thailandia. Horowitz è uno dei quattro appassionati subacquei tecnici che hanno localizzato il relitto: “È il sogno di ogni subacqueo tecnico trovare un relitto carico di storia”, ha detto Horowitz. Ci alleniamo molto per queste immersioni difficili perché ci piace esplorare e trovare ciò che non è facilmente accessibile. È la prima volta che facciamo una scoperta del genere, ma stiamo anche cercando altri relitti”, ha detto.

La squadra è composta da Jean Luc Rivoire, 50 anni, Ben Reymenants, 47, Lance Horowitz, 36 e Benoit Laborie, 42. Originari della Francia, del Belgio e della Nuova Zelanda, hanno ora sede a Singapore e a Phuket. Da molti anni si immergono in tutto il mondo in siti di acque profonde e in ambienti difficili come le grotte della Florida o del Sud-Est asiatico.

sommergibile affondato a phuket
Da sinistra a destra, Jean Luc Rivoire, Lance Horowitz e Ben Reymenants durante una delle loro immersioni per localizzare il sottomarino. Foto di Benoit Laborie

I subacquei stanno aspettando che la loro scoperta sia convalidata dallo United States Naval History and Heritage Command, ma ritengono che si tratti di un sottomarino della classe Tambor, la prima classe di sottomarini pienamente operativa della flotta statunitense. Per questa spedizione hanno utilizzato la loro nave, il cui porto di origine è Singapore, dalla quale hanno localizzato il relitto con un sonar a scansione laterale, un dispositivo che permette di catturare immagini del fondale marino.

“Ben ha raccolto una serie di coordinate geografiche da una varietà di fonti, principalmente da pescatori locali che spesso perdono le loro reti in questi siti, che possono essere rocce naturali o scogliere artificiali come i relitti di navi. La nostra barca è attrezzata per una tale ricerca e per giorni abbiamo pazientemente scansionato tutte le coordinate fino a quando non abbiamo visto una forma speciale sullo schermo dello scandaglio! Non abbiamo potuto immergerci subito sul sito a causa delle cattive condizioni meteorologiche e delle forti correnti. Una buona pianificazione è necessaria. A causa della scarsa visibilità c’è il rischio di rimanere impigliati nei detriti del relitto o nelle reti da pesca, o di non trovare la cima per tornare alla barca in superficie e di dover andare alla deriva nella corrente mentre si devono ancora effettuare lunghe soste di decompressione. Dopo sei immersioni sul relitto in un periodo di sei mesi, siamo ora convinti al 95% che questo sia il Grenadier della USS”, ha detto Lance.

I sommozzatori hanno anche cercato negli archivi di 12 paesi coinvolti nella seconda guerra mondiale con sottomarini, come Stati Uniti, Regno Unito, Germania, Giappone, Italia e Paesi Bassi, tutti i potenziali sottomarini segnalati dispersi e mai ritrovati nello Stretto di Malacca. Questo li ha portati a tre possibili sottomarini perduti. La descrizione e le dimensioni sembrano corrispondere perfettamente alla USS Grenadier.

Per convalidare la loro scoperta, hanno preso le misure di varie parti del sommergibile perduto, come la torretta di comando, i portelli e gli argani. Queste misure sono identiche ai piani tecnici ottenuti dalla United States National Archives and Records Administration.

La spedizione ha dovuto prendere in considerazione le maree, le forti correnti sottomarine e sono state utilizzate attrezzature come i rebreathers a circuito chiuso (CCR), scooter subacquei e miscele di gas elio-ossigeno per immersioni di diverse ore, con decompressione.

sommergibile affondato a phuket

Il relitto giace verticalmente su un fondo sabbioso a 83 metri di profondità, parzialmente coperto da reti da pesca. “Non siamo riusciti a trovare una targa con il nome del sommergibile affondato a Phuket, perché lo scafo esterno del sottomarino è stato eroso nel tempo e probabilmente strappato dalle reti da pesca e dalle ancore, rendendo visibile lo scafo interno, che è stato progettato per resistere alla pressione”, ha detto Reymenants.

I sommozzatori hanno trovato i portelli completamente aperti, il che indica che la nave è stata affondata deliberatamente, come indicano i resoconti storici dei sopravvissuti. Hanno anche identificato un componente elettrico, un reostato. Ha un’iscrizione, il nome di una società con sede a Chicago che da oltre 90 anni produce componenti elettrici utilizzati nelle navi militari.

I sommozzatori non hanno rivelato l’esatta ubicazione del relitto a causa dei numerosi saccheggi di rottami metallici provenienti dai relitti storici della zona. Inoltre, collaborano con le agenzie governative competenti e seguono le loro linee guida per quanto riguarda i siti del patrimonio bellico.

“È emozionante quando si arriva sul fondo dell’oceano in mezzo al nulla e si comincia a vedere la silhouette massiccia. Si pensa alla storia e alla possibilità di essere i primi ad avvicinarsi al sommergibile da quando è affondato più di 75 anni fa a Phuket. È una sensazione molto forte”, ha detto Jean-Luc Rivoire.

La squadra sta pianificando ulteriori spedizioni al relitto. “C’è ancora molto da esplorare come i cannoni, i tubi dei siluri e i periscopi, speriamo di identificarlo definitivamente, di portarlo a termine e di onorare la memoria degli eroi di guerra che hanno servito su questa nave”, ha aggiunto Ben.

Per maggiori informazioni sulle immersioni del team, visitate la loro pagina Facebook.

Informazioni sul USS Grenadier (SS-210), il sommergibile affondato a Phuket

L’USS Grenadier (SS-210), un sottomarino di 94 metri della classe Tambor con 76 marinai a bordo, era all’inseguimento di due navi nemiche al largo di Phuket quando fu colpito da aerei nemici il 21 aprile 1943. Dopo 15 ore di tentativi, incagliati sul fondale marino a 80 metri di profondità, sono riusciti a recuperare il galleggiamento e a tornare in superficie. Tuttavia, i motori erano troppo danneggiati e la nave non poteva muoversi. Mentre le navi nemiche si avvicinavano, i marinai furono costretti ad affondare il Grenadier per evitare che venisse catturato dalle forze nemiche. Hanno nuotato fino alla superficie, sono stati raccolti da un mercantile giapponese armato, portati in una scuola cattolica requisita a Penang, in Malesia, e poi nei campi di prigionia in Giappone. Hanno sopportato 28 mesi di torture, che hanno portato alla morte di quattro marinai.

Nel suo libro “Treshold of Hell” (1985), Albert Rupp, il più giovane marinaio a bordo della USS Grenadier, allora sedicenne, racconta: “Un corpo contorto sul fondo dell’oceano, un mucchio di relitti, una nave che il suo equipaggio ama ancora. Tu rinascerai, vascello fatale attraverso coloro che non hanno avuto paura. Combatteremo fino alla fine per il nostro amato Grenadier”.

Originale pubblicato  sulla rivista Plongez!

Traduzione di Massimo Boyer

Bibliografia: Nicolas Barraque – Scubaportal.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *