Il Relitto dell’Um El Faroud

La Um El Faroud era una petroliera libica ad elica singola da 10.000 tonnellate. A seguito di un’esplosione durante i lavori di manutenzione nel 1995, è stata affondata al largo delle coste di Malta (Località Blue Grotto) come barriera artificiale e attrazione subacquea.

È stata costruita nel 1969 alla Smith Dock Co. Ltd, Middlesbrough, in Inghilterra ed era di proprietà della General National Maritime Transport Company, Tripoli (GNMTC). Fino al 1 Febbraio 1995 operava tra l’Italia e la Libia trasportando carburante raffinato. Il 3 Febbraio 1995 è stata attraccata al molo n. 3 di Malta. Nella notte del 3 febbraio si è verificata un’esplosione nel serbatoio centrale n. 3, uccidendo nove lavoratori dei cantieri navali.

La nave, a causa dell’esplosione, ha subito una deformazione strutturale e, a seguito di un’ispezione e un’indagine, è stata considerata come natante totalmente svalutato. Ha occupato il molo nel porto di La Valletta per tre anni fino al 1998, quando si è deciso che l’opzione migliore per utilizzare il suo valore rimanente era quella di trainarla in mare e affondarla come una barriera corallina artificiale, creando un ottimo punto di immersione per il turismo subacqueo.

Il relitto si trova in posizione verticale (in perfetto assetto di navigazione) sul fondo sabbioso a sud-ovest di Wied ilQrendi (Blue Grotto). La petroliera Um El Faroud pesa 10.000 tonnellate ed è lunga 115 metri. La nave ha un fascio di 15,5 metri e un’altezza dalla chiglia alla cima dell’imbuto di circa 22 metri.
La profondità fino alla cima del ponte è di 18 metri e 25 metri al ponte principale. Il fondo (elica e timone) si trova a 36 metri. Dopo una brutta tempesta durante l’inverno del 2005/6 la nave si è rotta in due.
Nonostante il relitto sia ancora relativamente nuovo, è diventato rapidamente popolare tra i pesci, tra cui specie pelagiche come tonno, jack e barracuda. I subacquei potrebbero imbattersi in alcuni calamari e barracuda a poppa. Il relitto può essere visitato al suo interno se in possesso di apposito brevetto (Wreck Diver).

Bibliografia: Wikipedia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *